Home | Chi siamo
 AREE
Attualità
 Editoriale
 Professionale
 Rassegna Stampa
Codice della strada
 Circolari
 Dottrina
 Giurisprudenza
 Norme collegate
 Testo & regolamento
Formazione Professionale
 Le recensioni di G. Fontana
 Recensioni
 Articoli & Documenti
 Domande & Risposte
Edilizia
Annona, Commercio
Pubblici esercizi
Penale & Polizia giudiziaria
Illeciti Amministrativi & Sanzioni
Eventi
In Italia
 Abruzzo
 Basilicata
 Calabria
 Campania
 Emilia Romagna
 Friuli Venezia Giulia
 Lazio
 Liguria
 Lombardia
 Marche
 Molise
 Piemonte
 Puglia
 Sardegna
 Sicilia
 Toscana
 Trentino Alto Adige
 Umbria
 Valle d'Aosta
 Veneto
Il libro della settimana

Condividi su

 Newsletter
Vuoi essere aggiornato sulle novità del sito?
Iscriviti alla newsletter!
Penale Dettaglio Allegati
Documenti: 9
1.  CODICE Penale: Maltrattamento di animali
La detenzione di animali in stato di sovraffollamento, in relazione alle dimensioni del ricovero utilizzato, e in condizioni igieniche disastrose, tali incidere sulla sensibilità degli animali, producendo loro gravi sofferenze, è penalmente rilevante. Cav. Mario Ricca 11.09.2016
2.  LE REGOLE DI CUSTODIA DELL’ARMA : IL CONSIGLIO DI STATO SI PRONUNCIA
Il Consiglio di Stato, con la sentenza n. 3087, del 12 luglio 2016 , in tema di detenzione e custodia di un’arma da fuoco, cav. Mario Ricca 11.09.2016
3.  PRATICA di POLIZIA GIUDIZIARIA
PROTOCOLLO DI INDAGINE PER I REATI DI VIOLENZA SESSUALE O CONTRO MINORI PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI TRANI INSERZIONE del Comandante della Polizia Municipale - Locale di Trani Col. dr. Antonio Modugno
4.  PORTO DELL’ARMA FUORI TERRITORIO DA PARTE DEL PERSONALE DI POLIZIA LOCALE
PORTO DELL’ARMA FUORI TERRITORIO DA PARTE DEL PERSONALE DI POLIZIA LOCALE Il problema del porto dell’arma in dotazione da parte del personale di Polizia Locale potrebbe sembrare di facile inquadramento da un punto di vista giuridico se si prende in considerazione solamente l’art. 5 comma 5 della legge 65/86 (legge quadro sulla Polizia locale) che testualmente afferma che “ Gli addetti al servizio di Polizia Municipale ai quali è conferita la qualità di agente di pubblica sicurezza portano, senza licenza le armi, di cui possono essere dotati in relazione al tipo di servizio nei termini e nelle modalità previsti dai rispettivi regolamenti anche fuori dal servizio, purchè nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza e nei casi di cui all’art. 4.” Da una lettura attenta e univoca dell’articolo precedente sembrerebbe che non vi possano essere deroghe al porto dell’arma, (tranne il caso del trasporto da e per la propria abitazione, se il luogo di residenza è esterno al territorio ove si presta servizio) al di fuori del territorio dell’ente di appartenenza. Tale visione, fin troppo semplicistica, va invece guardata in un quadro normativo molto più ampio e in concorso con varie altre disposizioni legislative Dr. Angelo Di Perna
5.  L n.125-2008 - modifiche al codice di procedura penale - conversione con modifiche del decreto legge 23 maggio 2008, n. 92
Legge 24/07/2008, n°125 - modifiche al codice di procedura penale - conversione con modifiche del decreto legge 23 maggio 2008, n. 92 L’articolo 2 del decreto legge n. 92 del 2008, come modificato in sede di conversione dalla legge n. 125 del 2008, ha apportato molte modifiche alla normativa di interesse per la Polizia Municipale. Dopo aver diffuso la circolare 14/08 relativamente alla modifiche apportate al codice penale, si propone un breve commento per quel che concerne le novità che riguardano il codice di procedura penale, con riguardo agli aspetti di maggior rilievo. Mediante un significativo intervento sull’articolo 51 del codice di procedura penale, sono state apportate modifiche in relazione alla competenza degli uffici giudiziari, in conseguenza della legge n. 48 del 18 marzo 2008, con la quale è stata ratificata la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica di Budapest del 23 novembre 2001.
6.  CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. cd PACCHETTO SICUREZZA
Il pacchetto sulla sicurezza è passato, e ora diventa legge. Palazzo Madama ha infatti approvato con 161 voti a favore, 120 contrari e otto astenuti la conversione definitiva in legge del decreto sulla sicurezza. Sono state accolte le modifiche apportare dalla Camera il 16 luglio sulla contestata norma blocca processi, che non è più nel testo. La terza lettura del provvedimento al Senato ha ottenuto il voto favorevole della maggioranza, Pdl e Lega Nord, e ha incassato il voto contrario del Pd e dell' Idv e l'astensione dell'Udc.
7.  I POTERI INVESTIGATIVI DEL DIFENSORE
Relazione dell'Avv. Ettore Tacchini , Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bergamo, concernente ' ATTI RACCOLTI DAI DIFENSORI. UTILIZZABILITA' E VALUTAZIONE DA PARTE DEL GIUDICE. EQUIPARABILITA' AGLI ATTI DEL PUBBLICO MINISTERO' ,
8.  DIRITTO: LA CERTEZZA CHE NON C’E’!
Il Ministero dell’Interno rilancia la campagna di aggressione ai comportamenti di guida pericolosi; Il legislatore afferma: obiettivo 1 sicurezza stradale; il giudice frantuma le speranze!
9.  Il divieto di testimonianza indiretta.
La Legge 1 marzo 2001, n. 63, cosiddetta “sul giusto processo”, contiene, per quanto di interesse della Polizia Municipale, una modifica all’art. 195 c.p.p., concernente il divieto di “testimonianza indiretta”.
Pagine: 1
Link utili  
 Altri link
 Organi Istituzionali
 Enti pubblici
 Leggi e normative
I nostri Sponsor  
spazio libero
MARCOPOLO [ email ] [ Pubblicità ]